Masseria san Vito
Masseria san Vito

L'albergo

Posizione e dintorni

Masseria san Vito si trova a LIZZANO ed è situato in una posizione ideale per raggiungere le mete più interessanti dei dintorni. Nel nostro agriturismo troverete la tranquillità necessaria per riprendervi dallo stress e dalla fatica della giornata.

 

La natura, fra mare e cultura:

LA LITORANEA SALENTINA

LA LITORANEA 

uImportante collegamento viario che unisce Lama (frazione di Taranto) e Leuca (frazione di Castrignano del Capo) costeggiando il Mar Jonio. Lungo i suoi 146 km di percorrenza sono visibili numerose insenature dalla strada visto che la litoranea costeggia le più belle e importanti spiagge del lato orientale della Provincia di Taranto e della parte jonica della Provincia di Lecce trovandosi a poche decine di metri dal mare.La prima parte, che collega Lama a Marina di Leporano, e definita Litoranea Salentina Nord e nei suoi 5,6 Km l'unica spiaggia degna di nota è quella di Gandoli, nella Marina di Leporano. La restante parte invece, è la Litoranea Salentina vera e  propria. Nei suoi 89,4 Km da Saturo a Gallipoli, attraversa diverse località caratterizzate da turismo balneare ma anche culturale, archeologico, paesaggistico, religioso, enogatronomico, unico nel suo genere.

 

Località degne di nota:

  • Grottaglie
  • Taranto
  • Manduria
  • Oria
  • Lecce
  • Ostuni
  • Alberobello
  • Martina Franca
  • Otranto
  • Gallipoli
  • Polignano a mare
  • Bari
  • Matera

 

 

 

 

La prima parte, che collega Lama a Marina di Leporano, è definita Litoranea Salentina Nord e nei suoi 5,6 km l'unica spiaggia degna di nota è quella di Gandoli, nella Marina di Leporano. La restante parte, invece, è la Litoranea Salentina vera e propria. Nei suoi 89,4 km da Saturo, località di notevole interesse storico sita nella Marina di Leporano ove si trova una vecchia torre, a Gallipoli, attraversa diverse località caratterizzate da turismo prevalentemente balneare ma anche storico.

Proseguendo v

 

 

 

 

 

 

 

 

erso sud, dopo la già citata Marina di Leporano (con le sue Gandoli e Saturo), la Litoranea Salentina attraversa la Marina di Pulsano, ricchissima di spiagge e di zone ad alto interesse storico. Spiagge famose in questa zona sono Luogovivo (detta anche "Baia del Pescatore") con la sua insenatura sotto il livello della strada, sovrastata da una rotonda, La Fontana, Le Canne, Montedarena, Costa Azzurra, Terrarossa e Lido Silvana, dove vi sono una torre antisaracena cinquecentesca (Torre Castelluccia) e dei resti di un villaggio preistorico: quest'ultima e il suo bosco sono stati devastati nell'estate del 2001 da un grandissimo incendio. Prima di tale avvenimento, rilevato per la sua importanza dalle cronache nazionali, Lido Silvana era una delle località più turistiche della Puglia e del sud Italia attirando con il suo campeggio un'enorme quantità di turisti italiani e stranieri.

La prima parte, che collega Lama a Marina di Leporano,

 

 

è definita Litoranea Salentina Nord e nei suoi 5,6 km l'unica spiaggia degna di nota è quella di Gandoli, nella Marina di Leporano. La restante parte, invece, è la Litoranea Salentina vera e propria. Nei suoi 89,4 km da Saturo, località di notevole interesse storico sita nella Marina di Leporano ove si trova una vecchia torre, a Gallipoli, attraversa diverse località caratterizzate da turismo prevalentemente balneare ma anche storico.

Proseguendo verso sud, dopo la già citata Marina di Leporano (con le sue Gandoli e Saturo), la Litoranea Salentina attraversa la Marina di Pulsano, ricchissima di spiagge e di zone ad alto interesse storico. Spiagge famose in questa zona sono Luogovivo (detta anche "Baia del Pescatore") con la sua insenatura sotto il livello della strada, sovrastata da una rotonda, La Fontana, Le Canne, Montedarena, Costa Azzurra, Terrarossa e Lido Silvana, dove vi sono una torre antisaracena cinquecentesca (Torre Castelluccia) e dei resti di un villaggio preistorico: quest'ultima e il suo bosco sono stati devastati nell'estate del 2001 da un grandissimo incendio. Prima di tale avvenimento, rilevato per la sua importanza dalle cronache nazionali, Lido Silvana era una delle località più turistiche della Puglia e del sud Italia attirando con il suo campeggio un'enorme quantità di turisti italiani e stranieri.

Proseguendo ancora, la Litoranea Salentina incontra l'Isola Amministrativa del Comune di Taranto, stanziata tra la Marina di Pulsano e la Marina di Lizzano; un'importante località in questa zona è Lido Torretta. Qui, come nella successiva Marina di Lizzano, sono presenti spiagge immense e la SP122 scorre tra esse ed enormi dune di sabbia e macchia mediterranea. Nella Marina di Lizzano un'importante località è Bagnara, detta "Il Canale".

Dopo la Marina di Lizzano vi sono Torre Ovo, frazione di Torricella, e Campomarino di Maruggio, importante località turistica dotata di un importante porticciolo turistico. Poi la Litoranea Salentina attraversa San Pietro in Bevagna, dove vi è un ponte sul fiume Chidro, e Torre Colimena, frazioni di Manduria. Successivamente, entrati in Provincia di Lecce, si incontrano Punta Prosciutto e Torre Lapillo e successivamente il loro capoluogo comunale Porto Cesareo.

Successivamente la Litoranea Salentina attraversa la marina di Nardò dove vi è un sito naturalistico di rilevante importanza, Porto Selvaggio. Inoltre, sempre nella zona di Nardò, attraversa Sant'Isidoro, Santa Caterina e Santa Maria al Bagno e successivamente, dopo aver attraversato la marina di Galatoneed un piccolo tratto di costa afferente Sannicola, trova Gallipoli.

Successivamente, prima di concludersi a Leuca, la litoranea trova Mancaversa (Taviano), Torre Suda (Racale), Torre San Giovanni (Ugento), Pescoluse (Salve), Torre Vado (Morciano di Leuca e San Gregorio (Castrignano del Capo).

ea Salentina è un importante collegamento viario che unisce Lama (frazione di Taranto) e Leuca (frazione di Castrignano del Capo) costeggiando il Mar Jonio. Lungo i suoi 146 km di percorrenza sono visibili numerose insenature dalla strada visto che la litoranea costeggia le più belle e importanti spiagge del lato orientale della Provincia di Taranto e della parte jonica della Provincia di Lecce trovandosi a poche decine di metri dal mare.

La prima parte, che collega Lama a Marina di Leporano, è definita Litoranea Salentina Nord e nei suoi 5,6 km l'unica spiaggia degna di nota è quella di Gandoli, nella Marina di Leporano. La restante parte, invece, è la Litoranea Salentina vera e propria. Nei suoi 89,4 km da Saturo, località di notevole interesse storico sita nella Marina di Leporano ove si trova una vecchia torre, a Gallipoli, attraversa diverse località caratterizzate da turismo prevalentemente balneare ma anche storico.

Proseguendo verso sud, dopo la già citata Marina di Leporano (con le sue Gandoli e Saturo), la Litoranea Salentina attraversa la Marina di Pulsano, ricchissima di spiagge e di zone ad alto interesse storico. Spiagge famose in questa zona sono Luogovivo (detta anche "Baia del Pescatore") con la sua insenatura sotto il livello della strada, sovrastata da una rotonda, La Fontana, Le Canne, Montedarena, Costa Azzurra, Terrarossa e Lido Silvana, dove vi sono una torre antisaracena cinquecentesca (Torre Castelluccia) e dei resti di un villaggio preistorico: quest'ultima e il suo bosco sono stati devastati nell'estate del 2001 da un grandissimo incendio. Prima di tale avvenimento, rilevato per la sua importanza dalle cronache nazionali, Lido Silvana era una delle località più turistiche della Puglia e del sud Italia attirando con il suo campeggio un'enorme quantità di turisti italiani e stranieri.

Proseguendo ancora, la Litoranea Salentina incontra l'Isola Amministrativa del Comune di Taranto, stanziata tra la Marina di Pulsano e la Marina di Lizzano; un'importante località in questa zona è Lido Torretta. Qui, come nella successiva Marina di Lizzano, sono presenti spiagge immense e la SP122 scorre tra esse ed enormi dune di sabbia e macchia mediterranea. Nella Marina di Lizzano un'importante località è Bagnara, detta "Il Canale".

Dopo la Marina di Lizzano vi sono Torre Ovo, frazione di Torricella, e Campomarino di Maruggio, importante località turistica dotata di un importante porticciolo turistico. Poi la Litoranea Salentina attraversa San Pietro in Bevagna, dove vi è un ponte sul fiume Chidro, e Torre Colimena, frazioni di Manduria. Successivamente, entrati in Provincia di Lecce, si incontrano Punta Prosciutto e Torre Lapillo e successivamente il loro capoluogo comunale Porto Cesareo.

Successivamente la Litoranea Salentina attraversa la marina di Nardò dove vi è un sito naturalistico di rilevante importanza, Porto Selvaggio. Inoltre, sempre nella zona di Nardò, attraversa Sant'Isidoro, Santa Caterina e Santa Maria al Bagno e successivamente, dopo aver attraversato la marina di Galatoneed un piccolo tratto di costa afferente Sannicola, trova Gallipoli.

Successivamente, prima di concludersi a Leuca, la litoranea trova Mancaversa (Taviano), Torre Suda (Racale), Torre San Giovanni (Ugento), Pescoluse (Salve), Torre Vado (Morciano di Leuca e San Gregorio (Castrignano del Capo).

Contatti e prenotazioni

Masseria san Vito
S.P. 124 Lizzano - Mare
74020

 

 

 

 

 

Stampa Stampa | Mappa del sito
© Masseria san Vito S.P. 124 Lizzano - Mare 74020 LIZZANO Partita IVA: ${diy_website_personperoperty_IT_TAX_ID}